PROFILO PROFESSIONALE
La figura del Tecnico Superiore per la gestione del risparmio energetico e della generazione di energia si colloca in uno stadio intermedio tra il personale di estrazione tecnica che effettua attività di tipo essenzialmente progettuale, preventivistico, realizzativo, operativo e manutentivo, ed il personale tecnico laureato che opera nella progettazione definitiva ed esecutiva, nella manutenzione e gestione di sistemi/apparati/dotazioni/impianti finalizzati al risparmio energetico nel settore industriale, nel terziario ed abitativo e nella produzione di energia.La figura del Tecnico Superiore opera primariamente nel settore delle società e studi professionali, nelle imprese che offrono sul mercato servizi di consulenza, progettazione, realizzazione, gestione e manutenzione dei sistemi, apparati, impianti per il risparmio energetico e la produzione di energia come sopra individuati.Il Tecnico esperto nella gestione dell’energia conosce i diversi processi di produzione di energia (da fonti rinnovabili e non) e le tecnologie ed i materiali da utilizzare per il risparmio energetico; è in grado di predisporre e sviluppare interventi per la promozione, l’uso efficiente ed il miglioramento dell’energia; effettua diagnosi, certificazione energetica degli edifici e dei corpi edilizi attraverso la installazione, la manutenzione, la rendicontazione dei risultati post-intervento, tenendo conto degli aspetti economici e di impatto ambientale; supervisiona le attività di manutenzione di impianti per la produzione di energia.

 

COMPETENZE IN USCITA
Relativamente alle problematiche legate all’approvvigionamento e generazione di energia e ai processi ed impianti ad elevata efficienza e a risparmio energetico, chi avrà seguito con profitto il corso sarà in grado, al termine, di:

  • Misurare, elaborare e valutare con opportuna strumentazione grandezze e caratteristiche dei processi, dei sistemi e degli impianti, inclusi quelli civili Analizzare e riorganizzare sotto il profilo energetico il processo produttivo e definire le modalità di realizzazione, di controllo e di verifica delle prestazioni
  • Documentare e seguire i processi di industrializzazione Conoscere strutture, apparati e sistemi e analizzarne le risposte alle sollecitazioni meccaniche, termiche, elettriche e di altra natura Gestire e innovare processi correlati a funzioni aziendali Gestire progetti di istallazione di apparati, sistemi ed impianti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali della qualità e della sicurezza
  • Comprendere, interpretare e analizzare schemi di impianti Utilizzare, attraverso la conoscenza e l’applicazione della normativa tecnica e sulla sicurezza, strumenti e tecnologie specifiche Utilizzare correttamente strumenti di misura, controllo e diagnosi, eseguire le regolazioni di sistemi e impianti
  • Utilizzare la documentazione tecnica prevista dalla normativa per eseguire le verifiche e garantire la corretta funzionalità di apparecchiature, impianti e sistemi tecnici per i quali cura la manutenzione
  • Conoscere le proprietà dei materiali in relazione all’impiego, ai processi produttivi ed ai relativi trattamenti. A queste competenze tecniche specifiche se ne aggiungono altre, di carattere più generale, di tipo linguistico, comunicativo e relazionale, giuridico ed economico, organizzativo e gestionale.

 

SBOCCHI OCCUPAZIONALI
Il Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici potrà svolgere le seguenti attività lavorative:

  • Energy Manager (analisi di fabbisogni energetici, monitoraggio ed elaborazioni dati sulle prestazioni energetiche di impianti e sistemi energetici; sovrintendenza e gestione di interventi orientati alla riduzione dell’intensità energetica e dell’impatto ambientale, ecc.).
  • Libero professionista per aziende private o pubbliche, in qualità di consulente tecnico commerciale per interventi di adeguamento e miglioramento dell’efficienza energetica di impianti e sistemi energetici.
  • Libero professionista per la redazione della certificazione energetica di edifici pubblici e privati.
  • Consulente per la redazione della documentazione per l’applicazione della normativa tecnica in ambito energetico ed ambientale e per le procedure di accesso agli incentivi economici di settore.
  • Monitoraggio e supervisione dei lavori di installazione di impianti e sistemi energetici.
  • Vendita di impianti e sistemi energetici; servizi ed assistenza post vendita.

 

ARTICOLAZIONE DEL CORSO
Il percorso formativo è articolato in quattro semestri, per un totale di 2000 ore di cui n. 1200 dedicate ad attività d’aula e di laboratorio e n. 800 destinate ad attività di stage. Il percorso didattico è strutturato in moduli con riferimento ai seguenti ambiti specialistici:

  • Risorse energetiche
  • Valutazione di costi ed investimenti nell’uso e conversione dell’energia
  • sistemi energetici
  • misure termotecniche
  • energia solare: termico e fotovoltaico
  • energia eolica, da biomasse e geotermica
  • risparmio energetico nei settori industriale, agricolo e pubblico
  • cogenerazione e trigenerazione
  • efficienza e valutazione energetica degli edifici
  • illuminotecnica ed elementi di acustica
  • automazione e domotica per il risparmio energetico
  • inverter ed elettronica di potenza per le energie rinnovabili
  • automazione e telecontrollo
  • legislazione Europea, Nazionale e Regionale in materia di Energia ed Ambiente
  • rafforzamento linguistico in inglese, con un riferimento particolare al linguaggio tecnico di settore
  • economia ed organizzazione aziendale, in un’ottica di Sistema di Gestione Integrato Qualità–Ambiente–Sicurezza.

Prima dell’inizio delle attività didattiche possono essere attivati moduli propedeutici, individuali e differenziati, definiti dal Comitato Tecnico Scientifico dell’ITS. Completano il percorso attività seminariali, testimonianze di protagonisti del settore e visita a fiere, manifestazioni, aziende ed installazioni di particolare interesse.

 

DESTINATARI E REQUISITI DI ACCESSO
Il corso è destinato a n° 25 aspiranti di nazionalità europea, di entrambi i sessi. È prevista altresì la presenza di n. 5 uditori individuati secondo l’ordine di merito.Gli aspiranti devono essere in possesso:

  • di diploma di istruzione tecnica, professionale IPA, Liceo Scientifico Tecnologico
  • di competenze nell’uso della lingua inglese e dell’informatica di livello abbastanza elevato da consentire una proficua partecipazione alle attività formative. Possono fare domanda anche persone in possesso di un qualsiasi altro diploma di istruzione secondaria superiore purché dispongano delle competenze tecnico scientifiche che hanno, in esito al percorso di studi, i diplomati di cui al punto precedente.

 

SELEZIONE
Gli aspiranti sono ammessi al corso a seguito di prove selettive. La selezione verte sulla verifica delle competenze di base linguistiche, scientifiche, tecniche e tecnologiche dei candidati e sulle loro motivazioni e attitudini. Essa consiste in una prova scritta (test a risposta multipla), in un colloquio motivazionale e nella valutazione del Curriculum Vitae. La prova scritta ha il fine di accertare i requisiti culturali minimi per l’accesso ad un canale formativo di livello post secondario, così come previsto dal DPCM del 25 gennaio 2008. Sono valutate come prioritarie: conoscenza della lingua inglese; conoscenze di informatica; competenze di matematica, fisica, chimica a livello di scuola secondaria superiore; competenze essenziali per apprendere in contesti applicativi. Per la prova scritta vengono attribuiti max 30 punti. Il colloquio motivazionale, attitudinale e tecnico consente la valutazione di conoscenze, capacità relazionali e decisionali, competenze di tipo interdisciplinare. Al colloquio motivazionale è attribuito un punteggio max di 40 punti. La Commissione procede inoltre all’esame del Curriculum Vitae tenendo conto di: diploma, in relazione alla tipologia, coerenza col corso ITS ed alla votazione finale titoli ed esperienze formative e lavorative attestate ( alternanza scuola-lavoro, stage, tirocini formativi, apprendistato ) altri titoli (certificazioni linguistiche, informatiche) A tali valutazioni è attribuito il punteggio max di 30 punti, ripartito secondo i parametri che saranno stabiliti dalla commissione d’esame. La laurea non costituisce titolo valutabile. La Commissione può attribuire quindi un punteggio massimo pari a 100. L’ammissione al corso è subordinata al raggiungimento di un minimo di 70 punti. A parità di punteggio è data priorità ai candidati con minore età.

 

FORMATORI
Il corso si avvale di docenti qualificati che, per almeno il 50% del monte ore, provengono dal mondo del lavoro e delle professioni, con esperienza specifica di almeno 5 anni. Sono, altresì, coinvolti docenti provenienti dalla Scuola, dall’Università, dai Centri di Ricerca e dalla Formazione professionale.

 

STAGE
Lo stage viene svolto presso Aziende e/o Enti partner, aziende a questi associate o presso altre realtà leader nel settore.

 

CERTIFICAZIONE FINALE
Il diploma di Tecnico Superiore è rilasciato dall’ l’Istituto di Istruzione Superiore “Amedeo d’Aosta” – Via Acquasanta – L’Aquila, in qualità di Istituto scolastico di riferimento per la Fondazione ITS, sulla base del modello nazionale, previo superamento di un esame finale per la verifica delle competenze acquisite. Sono ammessi agli esami finali gli studenti che hanno frequentato i percorsi I.T.S. per almeno l’80% della loro durata complessiva, compresa l’attività di stage, e che sono stati valutati positivamente dai docenti dei percorsi medesimi, anche sulla base della valutazione operata dal tutor aziendale, a conclusione delle attività formative, compresi i tirocini. Il diploma conseguito fa riferimento al V livello del Quadro Europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente E.Q.F. I diplomi di Tecnico Superiore costituiscono titolo per l’accesso ai pubblici concorsi ai sensi dell’articolo 5, comma 7, del D.P.C.M 25 gennaio 2008. Sulla base dei regolamenti didattici delle università potranno essere riconosciuti crediti formativi per alcuni moduli didattici. Si rinvia al decreto attuativo di cui all’art.14, comma 3, della legge 30 dicembre 2010, n.240. Il titolo conseguito è equiparato al praticantato e dà diritto ad accedere direttamente all’esame di stato per l’esercizio della libera professione in relazione al diploma posseduto (art. 55, comma 3, decreto del Presidente della Repubblica n.328/2001). E’ assicurata una certificazione delle competenze acquisite anche in caso di mancato completamento del percorso formativo.
MODULISTICA

Download “Bando_selezione_corsisti_2017_Impianti.pdf” Bando_selezione_corsisti_2017_Impianti.pdf – Scaricato 115 volte – 934 KB

Download “Domanda_iscrizione_2017_Impianti.pdf” Domanda_iscrizione_2017_Impianti.pdf – Scaricato 70 volte – 579 KB

Download “Piano-di-studi-Corso-_Tecnico-superiore-per-la-gestione-e-la-verifica-di-impianti-energetici.pdf” Piano-di-studi-Corso-_Tecnico-superiore-per-la-gestione-e-la-verifica-di-impianti-energetici.pdf – Scaricato 96 volte – 672 KB